Archivi categoria: La Cantina

La Cantina di Paul: la novità per gli amanti del vino realizzata dalla Campo di Anzano (TV)

Azione 23_03_2015

Da “L’ Azione” del 23 Marzo 2015.

 

Annunci
Contrassegnato da tag , , ,

La Parola alle Aziende – Area Stampa Vinitaly 2015

La Parola alle Aziende

 

Link all’articolo online:

http://www.vinitaly.com/areaStampa/parolaAziende/id/9279

Contrassegnato da tag

Uno stand nato dal vino e per il vino ha fatto mostra di sè durante la 49esima edizione di Vinitaly

Riportiamo un articolo pubblicato dall’ edizione on-line de  “La Voce di Trieste” il 19 Marzo 2015, sulla nostra partecipazione a Vinitaly 2015 insieme ad altre due aziende: Profumi d’ Italia e l’Azienda Agricola “Ganaghello”.

Uno stand che si trasforma in una vera e propria cantina, La Cantina di Paul, una Personal Wine Suite nata dal vino e per il vino, dove la contemporaneità si fonde con la tradizione per celebrare i vini, i veri protagonisti.

articolo da "La Voce di Trieste" voce_trieste_Vinitaly_19_03_20152

Contrassegnato da tag , ,

La Cantina di Paul: Personal Wine Suite tecnologica

tech

 

 

Il futuro abita nella Cantina di Paul, un luogo magico dove contemporaneità e nuove tecnologie si fondono con la tradizione per rendere il vino il protagonista assoluto.

Non si riesce a trovare parole adatte a descrivere quella sensazione che ci pervade ogni volta che la porta della cantina viene aperta: i sapori e gli aromi dei vini conservati
nei preziosi scaffali in legno di abete, vengono maestosamente esaltati dalla temperatura costante e dall’ umidità controllata.

Sosfisticati sistemi di climatizzazione e di deumidificazione/umidificazione si nascondono dietro i pannelli in legno e grazie alla domotica, riescono a svolgere in maniera
silenziosa ed ineccepibile il loro compito.

I pannelli che rivestono l’ambiente celano alla vista i cablaggi e le tubazioni necessarie, al contempo proteggendole dagli agenti esterni potenzialmente dannosi.

Ogni esemplare della Cantina di Paul è unico ed in grado di fornire ottime soluzioni a qualsiasi tipo di esigenza legata alla conservazione e all’ invecchiamento del vino.

Volevamo qualcosa che scardinasse il concetto comune di “Cantina”, senza per questo sminuire l’amore per il vino e la sua conservazione.

Una Cantina con la “C” maiuscola, per renderla un luogo della casa, dove degustare i propri vini pregiati come il più consumato dei “sommelier”.

Contrassegnato da tag , , ,

Qualità nel bicchiere e celebrazione dell’invecchiamento

La Cantina di Paul

protagonista ai Salotti del Gusto,

il 29 e 30 novembre a Villa Condulmer di Mogliano Veneto

Un luogo non è fatto di ciò che possiamo toccare.

Sono gli oggetti che lo compongono ad essere tangibili: pareti, arredi, suppellettili, lampade… ma il luogo sfugge costantemente alla prigione della concretezza e si manifesta attraverso le emozioni che i cinque sensi compenetrati tra loro ci restituiscono dopo aver vagliato la memoria ed elaborato quel piccolo miracolo che chiamiamo “ricordo”.

A volte ci capita di entrare in una stanza e soffermarci, come gatti, con i sensi protesi a catturare un mèlange di sensazioni che ci comunica di aver già vissuto quel momento. Ci concediamo lunghi attimi di preziosa riflessione, perdendoci tra le briciole della madeleine di Proust e centellinando la formazione del ricordo che l’ambiente circostante ha evocato in noi.
Ecco: quello è un luogo.

E La Cantina di Paul nasce secondo tali canoni per riproporre all’interno della Vostra casa – al Piano Nobile, come amiamo sottolineare – la ricostruzione fedele ed impeccabile di tutto ciò che la Cantina evoca nella memoria, andando ad incastonarsi nella struttura esistente come uno scrigno di meraviglie da godere in perfetta solitudine o da condividere con chi più amiamo.
Il team de La Cantina di Paul composto da Alberto Casagrande designer, Maestri Campo e Paolo Valdastri in qualità di consulente tecnico crea il tutto per rispondere alle esigenze del singolo, definendo quel concetto di unicità ed irripetibilità che costituisce l’anima stessa del lusso inteso come estrema gratificazione dell’Io e che trasforma una Cantina in una Personal Wine Suite. A tal fine, prima di creare ogni Esemplare, non ci limitiamo ad un accurato sopralluogo, ma ci immedesimiamo nel futuro proprietario per cesellare intorno a Lui ogni particolare, offrendo finanche la consulenza di un esperto come Paolo Valdastri per confortare le scelte effettuate sia in termini di Luogo che in termini di Vini. Niente è affidato alla standardizzazione ed ogni elemento è creato e gratificato non solo dall’attenzione che ci contraddistingue da sempre, ma da quell’ingrediente unico e magico chiamato Amore.

La qualità assoluta del progetto è in piena sintonia con il motivo conduttore dell’edizione di novembre 2014 dei Salotti del Gusto, dedicata al rapporto tra tavola e benessere psicosomatico.

Sarà Villa Condulmer, a Mogliano Veneto, a ospitare, il 29 e 30 novembre, i numerosi eventi che declineranno il tema della manifestazione nei laboratori “Prima Classe Chef Experience”, dove gli esperti si confronteranno su come consistenze, colori e sapori di cibi e vini possano influire sui 5 sensi in chiave salutistica.

La Cantina di Paul, in una versione realizzata appositamente per eventi di questo tipo, sarà lo scrigno all’interno del quale riposeranno e saranno messi alla temperatura di servizio i grandi vini per le verticali e gli show-cooking di “Prima Classe Wine Experience”.

Ad esempio il territorio della Valpolicella proporrà un itinerario emozionale attraverso cui accompagnare il pubblico nelle quattro degustazioni verticali di Amarone Vintage guidate dai Sommelier Alessandra Veronesi, Maître Sommelier del Ristorante Acanto all’Hotel Principe di Savoia di Milano, Luca Martini, miglior Sommelier del mondo AIS 2013 e Andrea Balleri, Maître Sommelier dell’Hotel Danieli.

Le annate 2000-2003-2004 dell’Amarone Quintarelli, 2006-2008-2009 dell’Amarone di Romano Dal Forno, 2000-2007-2009 dell’Amarone di Roccolo Grassi saranno prelevate da questi personaggi straordinari ne La Cantina di Paul e accuratamente distribuite nei bicchieri dei fortunati partecipanti a questi esclusivi laboratori.

Celebrazioni di un perfetto affinamento dei vini come quello che può avvenire appunto in uno strumento sofisticato e perfetto come La Cantina di Paul.

Ufficio Stampa La Cantina di Paul

Paolo Valdastri +39 328 4603832

La Cantina di Paul è un progetto:

Falegnameria Campo snc

Via Anzano, 47 Cappella Maggiore TV

T. 0438 59949 – info@lacantinadipaul.it

www.lacantinadipaul.it

Esposizione:

Unico Ovunque

Piazza della Repubblica 6 – Palazzo Levi

Firenze

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

IL RUOLO DELLA CANTINA: L’AFFINAMENTO DEL VINO. CAPITOLO 3 – INVECCHIAMENTO IN BOTTIGLIA – AMBIENTE RIDUTTIVO

0003150339O-849x565

Ed eccoci a noi. Finalmente il vino viene messo in bottiglia e chiuso con un tappo, generalmente di sughero, ma sui metodi di tappatura ritorneremo nel capitolo “Leggende Metropolitane”.

Vi è una categoria di vini “unfiltered” non filtrati, che mantengono intatte tutte le sostanze derivanti dalla vinificazione e dalla maturazione in botte. Nella maggioranza dei casi l’operazione di imbottigliamento è  preceduta da una filtratura, molto leggera per i grandi vini, e dall’aggiunta di una piccola dose di anidride solforosa. Tutto questo processo di travaso è abbastanza stressante per il vino che deve a questo punto riposare per almeno due mesi prima di poter essere assaggiato.

Ma alla nostra cantina interessano solo i vini da lungo invecchiamento, quindi parliamo di quelli e soltanto di quelli. Anche se…. Anche se i francesi hanno l’abitudine di rifornirsi annualmente di vino alle Foires aux Vins di novembre ma tutti i vini acquistati non vengono consumati subito, ma posti in cantina e stappati in media dopo almeno 5 anni. E questo vale anche per molti vini bianchi.

Quando il vino va in bottiglia il tappo impedisce ogni contatto con l’aria esterna e quindi con l’ossigeno. Il vino consuma naturalmente molto ossigeno e quel poco che rimane fra il collo e il tappo viene assorbito in pochi minuti. Da questo momento in poi tutte le trasformazioni (ricordatevi che il vino è vivo, non si ferma mai) che avvengono in bottiglia sono trasformazioni in assenza di ossigeno ovvero in ambiente riduttivo.

È il momento forse più significativo per la nostra bottiglia, il momento, o meglio il periodo durante il quale si forma il bouquet, il ventaglio di aromi che costituisce uno dei più importanti fattori di qualità per un vino, il marcatore distintivo di una grande bottiglia.

I fenomeni di trasformazione coinvolgono in gran parte lo zolfo contenuto nel vino. Contenuto naturalmente e in piccola parte aggiunto,ma anche su questo argomento ritorneremo nel capitolo “Leggende Metropolitane” per controbattere gli originali sostenitori dei “vini senza solfiti”.

Uno dei fenomeni di ossidoriduzione consiste nell’aumento di DMS dimetilsolfuro (a seconda dei casi: aroma di mela cotogna, asparago, mais, melassa, tartufo, metallo) ed è fortemente correlato con la “maturazione del bouquet”. Tutti i composti volatili solforati sono degli aromi potenti con bassi valori di soglia sensoriale, quindi facili da percepire anche dai non esperti.

Poi abbiamo i fenomeni di acetalizzazione, ovvero una molecola di alcol ed una di aldeide si fondono in una molecola di acetale, intensamente aromatica.

Lo stesso avviene con l’esterificazione (alcol + acido si fonde in un estere aromatico) con conseguente aumento dei profumi e leggera diminuzione dell’acidità del vino, e con l’eterificazione (alcol+ alcol si fonde in etere fortemente aromatico).

In parole povere i profumi contenuti nell’uva (primari)  e quelli che si originano durante la fermentazione (secondari)  si trasformano nei cosiddetti “aromi terziari”, profumi più “seri e maturi”, più complessi e profondi che conferiscono al vino sentori di spezie orientali, di resine, di legno esotico, di caramello o di tostatura, rendendo più fini anche le speziature derivanti dal soggiorno del vino in legno, barrique o botte che sia.

E ancora abbiamo altre trasformazioni dai nomi difficili come la “reazione di Maillard” e la “degradazione di Strecker”. Nella prima uno zucchero si fonde con un aminoacido e da luogo a profumi di lievito, crosta di pane, pasticceria. La seconda coinvolge sostanze azotate e da luogo a sentori di pop corn, nocciola verde o tostata, kiwi, malto, oppure sostanze solforate con sviluppo di aromi di caffè torrefatto, fava di cacao, gomma.

Poi ci sono i vini passiti  o fortificati come il Porto, lo Xeres (Sherry) o il Madeira. Qui avvengono delle reazioni (aldolizzazioni) che originano il caratteristico profumo maderizzato e di “rancio” come dicono gli spagnoli.

In tutti i casi, tralasciando i tecnicismi, il concetto principale è quello che il vino evolve continuamente, lavora, diventa più complesso e più fine, più prezioso, muta il suo aspetto fino a raggiungere un periodo di maturità e di eccellenza che per i grandi vini dura molto a lungo.

Tutto questo però è vero se le condizioni in cui la bottiglia riposa sono ottimali. Giusto silenzio, assenza di vibrazioni, nessun odore molesto, corrette condizioni di temperatura e umidità, poca luce e quella poca con il giusto spettro: queste sono alcune delle caratteristiche che una buona cantina di invecchiamento deve avere. Il vino lavora riposando. Un concetto difficile da applicare agli umani, ma che per il nostro prezioso nettare è di importanza fondamentale. Tutte le cure possibili devono essere indirizzate al rispetto di questo concetto e queste cure continueranno anche al momento della decisione di aprire quella bottiglia.

La cantina sarà dotata di tutti gli attrezzi e dei giusti spazi per compiere con precisione tutte le operazioni necessarie per un servizio corretto di un grande vino, come vedremo nel seguito.

Paolo Valdastri

Contrassegnato da tag , , , , , ,

La Cantina al Piano Nobile

Un luogo non è fatto di ciò che possiamo toccare.
Sono gli oggetti che lo compongono ad essere tangibili: pareti, arredi, suppellettili, lampade… ma il luogo sfugge costantemente alla prigione della concretezza e si manifesta attraverso le emozioni che i cinque sensi compenetrati tra loro ci restituiscono dopo aver vagliato la memoria ed elaborato quel piccolo miracolo che chiamiamo “ricordo”.

A volte ci capita di entrare in una stanza e soffermarci, come gatti, con i sensi protesi a catturare un mèlange di sensazioni che ci comunica di aver già vissuto quel momento. Ci concediamo lunghi attimi di preziosa riflessione, perdendoci tra le briciole della madeleine di Proust e centellinando la formazione del ricordo che l’ambiente circostante ha evocato in noi.
Ecco: quello è un luogo.

E la Cantina di Paul nasce secondo tali canoni per riproporre all’interno della Vostra casa – al Piano Nobile, come amiamo sottolineare – la ricostruzione fedele ed impeccabile di tutto ciò che la Cantina evoca nella me- moria, andando ad incastonarsi nella struttura esistente come uno scrigno di meraviglie da godere in perfetta solitudine o da condividere con chi più amiamo.
Ogni senso è soddisfatto: i legni pregiati scorrono sinuosi sotto le dita trasmettendo l’eleganza e la maesto- sità del tempo; luci di led sapientemente occultati e candele in cera d’api ricreano la penombra complice ed avvolgente di mondi senza epoca; l’ambiente protetto ed ovattato attenua ogni suono esaltandone le peculia- rità così facili da ignorare al di fuori di esso; l’umidità controllata e la temperatura costante esaltano profumi impossibili da ricreare e relegati, per i più, alla sola sfera dell’immaginario; sapori ed aromi scaturiti dai tesori conservati nei preziosi scaffali della Cantina, esplodono come fuochi d’artificio donando anche al palato più esigente la concretizzazione di un sogno divenuto realtà.

Tutto nella Cantina di Paul è creato per rispondere alle esigenze del singolo, definendo quel concetto di unicità ed irripetibilità che costituisce l’anima stessa del lusso inteso come estrema gratificazione dell’Io e che trasforma una Cantina in una Personal Wine Suite. A tal fine, prima di creare ogni Esemplare, non ci limitiamo ad un accurato sopralluogo, ma ci immedesimia- mo nel futuro proprietario per cesellare intorno a Lui ogni particolare, offrendo finanche la consulenza di un esperto come Paolo Valdastri per confortare le scelte effettuate sia in termini di Luogo che in termini di Vini. Niente è affidato alla standardizzazione ed ogni elemento è creato e gratificato non solo dall’attenzione che ci contraddistingue da sempre, ma da quell’ingrediente unico e magico chiamato Amore.

Contrassegnato da tag , , , , , , , ,